Che cosa significa il termine Kung Fu?

La parola Kung fu è l'equivalente dei termini cinesi gong 功 “lavoro” e fu 夫, “abilità”, “destrezza”, esso indica dunque un’abilità eccezionale raggiunta in seguito ad un lavoro duro, meticoloso e raffinato in un’attività spesso di tipo manuale o fisico; il termine può pertanto riferirsi a un insieme eterogeneo di attività, anche diverse dalle arti marziali.

Cosa si intende per stile di Kung Fu?

Per “stile” di Kung Fu s’intende la particolare forma di espressione che l'arte marziale cinese assume. Questa può essere legata a una tradizione, a una famiglia, a una zona geografica, a un determinato modo di usare il corpo, o a un Maestro in particolare. Il patrimonio delle arti marziali cinesi è ricco di stili: seppure tutti abbiano una matrice comune, ciascuno ha caratteristiche proprie che lo contraddistinguono. Per non perdersi nell’immensa quantità di stili si è soliti raggrupparli in macro-categorie utili a una loro rapida identificazione, ad esempio stili del Nord (Chang quan) e stili del Sud (Nan quan), stili interni (Nei jia) e stili esterni (Wai jia) ecc.

Cosa sono le forme e a cosa servono?

Le forme, in cinese “Tao lu”, sono un insieme di movimenti marziali uniti in sequenze organiche e strutturate, che contengono il cuore degli stili. Rappresentano un metodo efficace per tramandarli da generazione in generazione. Attraverso il loro studio, i movimenti diventano fluidi e istintivi.

Qual è la differenza tra il Kung Fu tradizionale e il Kung Fu moderno?

Il Kung fu moderno è caratterizzato da Taolu molto ginnici e spettacolari, codificati recentemente dal governo cinese, i quali si avvicinano più alla ginnastica acrobatica che alla vera scienza del combattimento. Il Kung Fu tradizionale invece è costituito da Taolu antichi, il cui scopo era ed è la sopravvivenza in un combattimento.

Qual è il programma tecnico della scuola?

Il programma tecnico F.K.T. Xin Dao è così composto:

• Studio delle posizioni e delle tecniche di base.
• Studio dei calci fondamentali e avanzati.
• Studio delle cadute fondamentali e avanzate.
• Studio delle forme (Tao Lu).
• Studio delle armi fondamentali (Qi xie).
• Studio delle tecniche di leva e proiezione.
• Studio delle tecniche di difesa personale.
• Studio delle tecniche di respirazione e di sviluppo della potenza.
• Studio dell’acrobatica.
• Studio delle tecniche di lotta a terra.
• Combattimento tradizionale (Sanshou) e sportivo (Sanda).
• Studio degli stili avanzati e complementari (Yi Quan - Tai Ji Quan - Wing Chun Kuen).

Come sono suddivisi i corsi?

I corsi sono suddivisi in fasce di età nei seguenti turni:

• Kung Fu Baby dai 4 ai 6 anni
• Kung Fu Junior dai 7 ai 13 anni
• Kung Fu Adulti dai 14 anni in su
• Qi Xie bambini dai 6 ai 13 anni
• Qi Xie adulti dai 14 anni in su
• Tai ji quan adulti

Cos’è lo Yifu e perché è nero?

Lo Yifu è la divisa d’allenamento tradizionale utilizzata nella maggior parte delle arti marziali cinesi. Il colore nero rappresenta nella tradizione taoista l’elemento acqua, al quale ogni praticante di Kung Fu dovrebbe aspirare ad assomigliare.

Quali benefici si ottengono con la pratica di quest’arte?

La pratica costante del Kung fu porta molti benefici, tra i principali troviamo:

• Aumento della coordinazione motoria e dell’equilibrio.
• Incremento della potenza e dell’elasticità muscolare.
• Rinforzamento dei tendini e ripristino posturale.
• Incremento della reattività, riflessi e della forza esplosiva.
• Aumento della sicurezza in se stessi.
• Incremento del livello di difesa personale.
• Riduzione dello stress.

Praticare Kung Fu è pericoloso?

No, in quanto il Kung Fu nasce per preservare il corpo, non per logorarlo. Nella nostra scuola è previsto inoltre un avvicinamento graduale del praticante al combattimento, il quale è svolto sempre in sicurezza e con le protezioni necessarie.

Esistono arti marziali da “difesa” e arti marziali da “attacco”?

Un’arte marziale, se completa come il Kung Fu, prevede sia tecniche di attacco che di difesa. Tuttavia è importante ricordare che le tecniche apprese devono essere utilizzate solo in casi di reale emergenza, non per gioco o per sfoggio di abilità. L'essenza del Kung Fu sta nel "vincere senza combattere".

Qual è l’età massima e l’età minima per inziare?

A praticare Kung Fu si può inziare molto giovani: i corsi Baby partono dai 4 anni. Non esiste un limite di età: tutti, purchè in buona salute, possono praticare Kung Fu, cercando di lavorare secondo le proprie potenzialità.

Come sono organizzati i corsi per bambini?

Il corso dei bambini è ragionevolmente diviso a seconda della fascia d'età, nel Corso Baby gli allievi hanno un'età indicativamente compresa tra i 5 e gli 8 anni, nel Corso Junior invece dagli 8 ai 14 anni

Praticando Kung Fu c’è il rischio che mio figlio diventi più aggressivo?

No anzi, il Kung Fu promuove una pratica che dà maggiore sicurezza, consapevolezza di sé, disciplina e controllo dell’aggressività stimolando, attraverso un lavoro individuale e di gruppo, le capacità relazionali tra i bambini.

Mio figlio ha dei piccoli problemi motori, può praticare Kung Fu?

Si, grazie a movimenti e posizioni ripetute più volte, può acquisire maggiore consapevolezza del suo corpo e migliorare la coordinazione.

Quali sono i valori che trasmette il kung Fu?

Rispetto, lealtà, rettitudine, coraggio, pazienza e molti altri...

Il Kung Fu è indicato per le donne?

Nel Kung Fu la forza fisica non è tutto, gli aspetti più importanti sono l'armonia, la fluidità e l'abilità tecnica. Pertanto la si può considerare una pratica indicata a chiunque volesse approcciarsi, donne comprese.

Sono previsti esami da superare?

Si, la F.K.T. Xin Dao è una scuola, pertanto per progredire nella pratica, e avanzare di grado, è necessario superare degli esami tenuti dal Maestro Marco Gamuzza o dagli istruttori, che però si occupano solo dei gradi inferiori.

In questa scuola è previsto lo studio delle armi tradizionali? Quali in particolare?

Si, è previsto, per maggiori dettagli clicca qui: Qi Xie - lo studio delle armi tradizionali